fbpx
Home > Città Principali > Shakhrisabz

Shakhrisabz

L’antica città di Shakhrisabs in Uzbekistan (che significa Città Verde) è davvero sepolta nella vegetazione di frutteti e vigneti. I monumenti architettonici di Shakhrisabs hanno almeno 500 anni di storia con il famoso Palazzo Ak-Saray e il mausoleo Jahongir costruito tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo. Shakhrisabs è un centro tradizionale di arte popolare, in particolare il ricamo, con numerosi pezzi d’arte altamente raccomandati durante le mostre internazionali in Canada, Turchia e Giappone.

Va anche detto che Shakhrisabz è una patria di Tamerlano.
L’UNESCO ha deciso di collocare l’antica città di Shakhrisabz Uzbekistan nella lista dei monumenti del patrimonio mondiale, una città che ha lasciato un segno significativo sulla civiltà mondiale. Il 2700 ° anniversario della fondazione di Shakhrisabz è stato celebrato, dimostrando al mondo i valori antichi di questa terra, la sua grandezza e bellezza.

Shakhrisabz, chiamato “Kesh” nel Medioevo — noto anche come antico “Nautaca” — portava i soprannomi “Dilkesh” (“Kesh” significa piacere del cuore) e “Qubbat al-eleem va al-adab” (la cupola della scienza e istruzione) è una delle città più antiche dell’Asia centrale. In alcuni periodi della sua lunga storia, è apparso come il centro di alcuni degli eventi più importanti della storia mondiale — a volte gloriosi, a volte tragici. Durante i tempi della Battriana, lo zar-impostore, Bess (Artarker), fu catturato in uno degli insediamenti di Nautaca e infine giustiziato da Tolomeo, uno dei comandanti di Alessandro Magno. Ciò significava la fine del grande Impero Ahemenid.

Nautaca — Kesh fu scelto da Alessandro Magno per trascorrere i suoi inverni dal 328 al327 a.C., da dove partì per una campagna a Oxiarte, dove fu catturata la famiglia di questo aristocratico battriano. Questo premio includeva la bella Roxanne, che in seguito divenne la moglie di Alexander. Alessandro IV, il figlio risultante da questo matrimonio, divenne l’ultimo zar della dinastia macedone. Fu qui, durante le lunghe serate, che Alexander ricevette l’idea di sposare i suoi comandanti alle donne locali della Sogdian e della Bactrian, e quindi di eseguire la sua idea di unirsi a est e ovest.

I secoli passarono e Khashi ibn Khakim divenne più famoso di Mukanna, (coperto di coperta), il capo del forte movimento anti-arabo che trovò il suo ultimo rifugio e la morte lancinante nel 776–780 nella forte fortezza delle montagne del Sinam intorno Kesh. La morte di Mukanna e la distruzione del suo movimento furono un evento di grande importanza storica. La morte di Mukanna fu l’ultimo sforzo compiuto dai cittadini indigeni di Movoraunnahr per ripristinare la loro libertà perduta e la loro antica religione. Significava la fine dell’era pre-islamica, la storia e la cultura di questa regione e un cambiamento delle condizioni migliori in tutte le aree della cultura materiale e spirituale sotto il dominio dell’Islam.

Ak Saray

Ma Shakhrisabz non sarebbe così famosa se il 9 aprile 1346, nel villaggio di Hodja-llgar, Taraguy, Temur non fosse nato dalla famiglia di un nobile proprietario terriero. Amir Temur — il futuro statista e grande comandante. Ovunque il suo destino lo portasse, Shakhrisabz rimase la sua città natale, il luogo dove trascorse la sua infanzia e giovinezza, dove si formò la sua personalità, la dimora dove suo padre, Taraguy, mentore Shams ad-Din Qulal, e i suoi figli più grandi Jahangir e Omar Sheikh fu sepolto. Shakhrisabz divenne la seconda capitale del grande paese che governò. Bobur, il discendente di Amir Temur, ha scritto: “… Dato che Kesh era il luogo di nascita di Temurbek, ha fatto molti sforzi per trasformare la città in” il piedistallo del trono “(residenza del governo)”. La prova più ovvia di questo è il vasto palazzo, Ak-Saray, che era incomparabile con i suoi contemporanei. Molto è stato scritto su questo palazzo, in particolare da Rue Gonzales de Klavikho, l’ambasciatore spagnolo ad Amir Temur, che era una figura importante nella storia di Shakhrisabz. Sfortunatamente, il tempo non ha avuto pietà di questo meraviglioso edificio e alla fine del 16 ° secolo questo imponente monumento era stato distrutto. Parti del portale che rimangono sono la prova della scala della sua costruzione; Ak-Saray è ancora insuperabile nel suo intricato mosaico e in altre decorazioni che mettevano in risalto le arti degli artigiani tradizionali. Sopra il portale dell’Ak-Saray ci sono enormi lettere che dicono: “Se sfidi il nostro potere — guarda i nostri edifici!”

Altri resti di edifici del tempo dei Temuridi si trovano nella parte sud-occidentale della città. Questi sono i resti di un complesso un tempo grandioso — il mausoleo di Dorus-Syadot (casa dei profeti) in cui fu sepolto Jahangir, il figlio più amato di Amir Temur. Questo monumento divenne la tomba della famiglia dei Temuridi. Antichi platani continuano a crescere in questo luogo — il simbolo sacro di Shakhrisabz.

Un altro favoloso complesso è Dorut-Tilavete (La casa della contemplazione) composto da due mausolei — Khazreti Sheikh (Shamseddin Kulial) e Ghumbezi Seyeedon con la moschea Kok-Ghumbaz (cupola blu).

Ci sono due edifici della stessa epoca che sono più interessanti per i viaggiatori. Questi sono il mercato coperto Chorsu e lo stabilimento termale a cupola. Quando parliamo di Shakhrisabz, immaginiamo sempre una città sempre verde, con cielo sereno circondato dall’alta catena montuosa del Gyssar. Da tempo immemorabile questa città è famosa per i suoi abili artigiani, le cui tradizioni sono ancora praticate nei lavori di restauro e di costruzione su larga scala che vengono effettuati ancora oggi. L’odierna Shakhrisabz, pur conservando il suo aspetto tradizionale e storico, è passata alla fase successiva della sua evoluzione.

I famosi ricami della fabbrica di Khudjum di tubiteykas (cappelli tradizionali), suzane, tappeti e cinture — sono noti ben oltre i suoi confini. Il moderno Shakhrisabz Uzbekistan è il centro storico e culturale dell’oasi di Kashkadarya con un passato leggendario e un grande futuro.

Un po ‘su tempo

Questa regione è dominata da un clima continentale, con inverni abbastanza caldi ed estati calde. Da dicembre a febbraio, la temperatura è compresa tra +3 e + 8 gradi Celsius in media, a volte cadendo a zero. Il mese più caldo è luglio, quando il termometro supera regolarmente i 30 gradi Celsius. La neve cade raramente e di solito piove in quantità molto moderate, soprattutto in primavera e in autunno inoltrato.

Shakhrisabz ti sta aspettando

L’autore medievale Makhmud ibn Vali scrisse una volta: “Si ritiene che questa città sia uno dei luoghi più meravigliosi del pianeta, con un clima molto bello e attraente. I suoi spazi aperti e campi sono davvero molto belli. “Si può solo essere d’accordo con l’autore. Soprattutto perché in questi giorni Shakhrisabz giustifica il suo nome: la città verde.

Shakhrisabz in Uzbekistan incarna la cultura e le tradizioni del popolo uzbeko, impressionando i visitatori con il suo colore, i monumenti antichi unici, l’abbondanza di verde e la tipica ospitalità orientale di questi luoghi. Una visita a questa bellissima cittadina ti permetterà di vedere l’Uzbekistan nella sua luce migliore e di ottenere un sacco di emozioni positive.

Shakhrisabz

La parte storica della città è uno di quegli orgogliosi rappresentanti dei siti della lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questo è, forse, uno dei motivi per cui le immagini di Shakhrisabz catturano l’attenzione di ogni turista.

Monumenti architettonici e storici antichi in Shakhrisabz Uzbekistan:

Palazzo Shakhrisabz Ak-Saray — (XIV -15 sec.) L’attrazione più visitata e famosa di Shakhrisabz è il palazzo Ak-Saray di Timur, che è tradotto come il Palazzo Bianco. È stato gravemente danneggiato, ma ora è in fase di restauro e la ricostruzione procede rapidamente. Oltre ai giganteschi cancelli di 40 metri, è possibile osservare il sontuoso mosaico in filigrana e unico nel loro esempio tecnologico di pareti in muratura, con il quale si può giudicare quanto sia probabilmente splendida questa enorme residenza estiva.

Complesso Dor-ut Siodat. Il mausoleo di Dorus-Siadat non è meno interessante. È la cripta dei figli di Timur, Jahangir e Omar, che è paragonabile a Ak-Saray per le sue dimensioni e il suo design.

Moschea Khazratiy Imam ( 14 ° c.),

Mausoleo di Jahongir (XIV sec.).

Complesso di Dor-ut Tillavat: tomba di Gumbazi-Seiidan (XV sec.), Il luogo simbolo della città è anche l’ensemble Dorut-Tilyavat, che è diviso nel mausoleo del mentore spirituale di Timur il cui nome era Shamsiddin Kulol, il glorioso mausoleo Gumbazi-Seyidon, la moschea Kok-Gumbaz, la moschea Hazrat-Imam, e il cenotafio di Timur (in realtà, è sepolto a Samarcanda, ma i mausolei dei suoi parenti sono a Shakhrisabz).

Moschea di Kok Gumbaz (XV sec.) La moschea di Kok-Gumbaz è un altro luogo unico da visitare. La sommità a cupola della moschea si erge maestosa sopra le teste delle persone. È possibile vedere i resti di più iscrizioni sacre, che sono state scritte all’interno della cupola. Studi approfonditi di questo complesso hanno rivelato che ogni tipo di iscrizioni sacre si riferisce a una particolare epoca culturale.

Mausoleo di Kulol Shamshiddin (XIV sec.)

Caravansarai Kobu ( 15 ° c.) Volta funeraria Amir Temur.

Moschea del venerdì.

Moschea di Malik Ajdar (XV sec.).

Mercato coperto di Chorsu (XIV sec.). Il mercato coperto Chorsu è un edificio a cinque cupole in mattoni situato nel centro di Shakhrisabz. È un mercato coperto tradizionale in stile nazionale, che è stato costruito all’incrocio di due strade principali della città vecchia. Shakhrisabz è la terza città dell’Uzbekistan, in cui tale costruzione rimane ancora. Questo edificio a forma di croce ospitava numerose bancarelle e negozi.

Bagno pubblico medievale (XIV-XVI sec.).

You may also like...

(2) Comments

  1. loans with no credit check

    Nice.

  2. find more information

    This is relevant advice for my followers, so I’ll share this article and you should likely get some new readers. It’s better than anything else out there when it comes to this subject. Thanks for the fresh info!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.